...

Come Scrivere Musica Thriller — 3h 8m 28s

Come Scrivere Musica Thriller

Le infinite sfumature della musica thriller e horror

Non può essere una sorpresa per nessuno che i generi cinematografici del “thriller” e dell’”horror” siano meno popolari e riscuotano minor successo rispetto alla grande maggioranza della produzione cinematografica.

E naturalmente anche il grande mercato pubblicitario tende a schivare questi generi. È raro che una pubblicità abbia connotazioni spaventose. Visto che questo è un corso di musica pratica, pensato per lavorare, dobbiamo tenerne conto.

Il grande pubblico cerca nel cinema e nella musica l’evasione dal quotidiano, e per molti la vita quotidiana è già abbastanza “thriller” senza che ci sia bisogno di aggiungere niente altro (insomma: grazie, ma “no, grazie”).

Per questo motivo, nelle prime stesure di questo Master di Musica da Film le lezioni dedicate alla musica inquietante e dell’orrore erano accorpate con le lezioni sulla composizione di musica drammatica un genere che può incorporare anche l’orrore e sicuramente il thriller.

Sviluppando le lezioni nella pratica, però, è diventato sempre più evidente che per dare completezza al percorso formativo non era possibile trattare di sfuggita questi generi e considerarli come derive minori della musica drammatica.

Al contrario, era più efficace applicare le regole ferree della musica hollywodiana partendo dal movimento del “disagio” e poi approdare dopo alla musica drammatica.

Da qui la struttura della nuova settimana dedicata ai generi dell’orrore e della tensione.

La musica Metal e il “disagio”

Già queste parole, queste definizioni, danno immediatamente l’idea di cosa sia quello che dobbiamo esprimere.

È molto simile alla musica Metal, e lo impariamo attraverso due progetti pratici e gratificanti (un breve “Project” e un più ampio “Exercise”).

Il primo progetto è dedicato alla tensione e qui fa la comparsa il grande protagonista della musica inquietante: il tritono.

Il secondo progetto scende nei dettagli del movimento del disagio, una tecnica classica (ma raramente insegnata) che produce subito il risultato desiderato mettendo gli spettatori sull’allerta – anche se non sanno bene perché.

Due situazioni diverse, due stili diversi. È importantissimo distinguere tra thriller e horror, perché sono due generi molto differenti anche se condividono la stessa finalità.

Nel thriller, abbiamo ancora uno spiraglio di normalità. Il compositore può introdurre inquietudine, sorpresa, persino spavento. Ma mantenendo sempre una certa ambiguità.

Ambiguità che può anche sconfinare nel magico, o nel meraviglioso, come in alcune opere di Danny Elfman (specialmente quelle del sodalizio con Tim Burton, sempre in bilico tra fantasy e vera paura).

Pensiamo anche, ad esempio, alla musica di Bernard Herrmann. Da “Quarto Potere” (drammatico) a “Psycho” (thriller) fino a “Sinbad” (atmosfere magiche) e “Baby Killer “(horror, anche se musicalmente più prossimo al thriller).

Poi, la musica horror

Appena ci spostiamo nel regno dell’horror, le cose cambiano. Non ci sono più regole.

Prova Subito, Gratis, il Master di Musica.

Scrivi il tuo email migliore qui sotto e ricevi senza nessun impegno, del tutto gratis, l’accesso a tre ore di lezioni complete e utili che puoi sfruttare subito. Inoltre, ricevi sempre gratis i microarticoli esclusivi di Susanna Quagliariello su Composizione e MIDI.

È al 100% gratis, niente impegni e niente seccature: cancelli il tuo accesso con un solo click quando vuoi.

Il tuo nome

Indirizzo email




Ricorda che l’accesso all’Accademia di Cinematografia Digitale è riservato ai maggiorenni.

Non a caso, è difficile che i manuali classici di cinema parlino formalmente della musica horror. Escludendo le lezioni presenti in questo corso, la guida gratuita pubblicata su Musica-Digitale.it è probabilmente la più ampia guida al genere mai pubblicata, e questo includendo nel paragone anche i testi sacri della musica da film.

La musica può sovrapporsi o sostituirsi agli effetti sonori. Può anche imitarli, come nell’ossessivo, magnifico, tema di Terminator scritto da Brad Fiedel. Compositore non prolifico e che in effetti lavorò oltre che con James Cameron anche con due registi definiti a pieno titolo come visionari, l’australiano Russel Mulcahy e Wes Craven.

Specialmente nel cinema di Craven (“Nightmare” e “Scream” su tutti) ma anche in quello di Mulcahy, è spesso difficile stabilire cosa stia avvenendo effettivamente nella storia narrata e cosa sia invece un’illusione o un ricordo (come il “mostro” del film d’esordio di Mulcahy, il cinghiale “Razorback”).

Questi frequenti cambi di piano narrativo devono attentamente essere ricalcati dalla musica, come avviene per la filastrocca di Freddy nei “Nightmare”.

Le Tecniche Infallibili di Hollywood

Adoperare queste tecniche è uno degli strumenti più importanti nell’arsenale dei compositori, perché – come detto già in altre occasioni – la musica pratica e in particolare quella delle colonne sonore destinate a accompagnare un percorso narrativo, non è mai monolitica.

Non si può parlare di “un genere” perché all’interno dello stesso genere, orrore ad esempio, sarà necessario musicare un gran numero di diverse situazioni.

Anche se, arrivato a questo punto del corso, nessuno può più considerarsi un “principiante” quello che facciamo è di iniziare a percorre la strada di un compositore che sale di livello e inizia a confrontarsi con film, e quindi musiche, sempre più di alto livello e sempre più sofisticate.

È una valida simulazione di quello che è il percorso del compositore che prima si fa le ossa con jingle, sigle e musica ibrida (trattate nelle prime 12 settimane).

Poi procede verso lavori più impegnativi e consapevoli, come gli opening e end credits (rispettivamente gli Exercise già svolti di “Carmilla” e “Saaelle”) e consolida le proprie capacità in tanti generi musicali, dal progetto di musica pubblicitaria ad alto costo agli emozionanti (e diversi) momenti del film sulla Boxe che ci hanno permesso di far pratica con atmosfere e stili infinitamente differenti tra loro – pure se all’interno dello stesso film.

Con tutte queste capacità già acquisite, queste ultime sei settimane ci lanciano in una “wild ride” verso la musica per immagini di più alto livello, e lo fanno progressivamente e senza dare nulla per scontato.

Settimana dopo settimana vediamo le esatte tecniche, provate e funzionanti, che permettono di scrivere musica che viene immediatamente recepita dagli ascoltatori come appartenente a una situazione (attenzione: ancora una volta, a una situazione e non a un genere).

Conoscere queste tecniche è il segreto dei compositori professionisti e normalmente non viene insegnato, preferendo un approccio più schematico che si fissa su generi, modi e strumentazione.

L’agilità nella composizione che arriveremo ad avere al termine di queste sei settimane, invece, ci dà quella vera marcia in più che permette di scrivere musica percepita subito, e da tutti, come appartenente “a un altro campionato”.

Susanna

Conosci meglio Susanna Quagliariello

Compositore / produttore cinematografico / autore pubblicato. Laurea in Storia e Critica del Cinema, master di alta formazione, licenza triennale di conservatorio, diploma specialistico di composizione e orchestrazione per musica da film. Amministratore VFX Wizard e direttore della scuola online.

Avviso Importante Lezioni Questa Settimana video

01. Avviso Importante Lezioni Questa Settimana
Durata: 0m 50s

I Generi Cinematografici: Utili per Scrivere Musica?

Introduzione ai generi cinematografici video

02. Introduzione ai generi cinematografici
Durata: 3m 43s

Un film si giudica dalla copertina video

03. Un film si giudica dalla copertina
Durata: 1m 46s

La trappola della semplificazione per generi video

04. La trappola della semplificazione per generi
Durata: 2m 57s

Strumentazione, Modi, Progressioni (la ricetta standard) video

05. Strumentazione, Modi, Progressioni (la ricetta standard)
Durata: 3m 25s

Le Cadenze nella composizione da Film, spesso non comprese video

06. Le Cadenze nella composizione da Film, spesso non comprese
Durata: 2m 43s

Ancora sui molteplici generi di musica per un singolo film video

07. Ancora sui molteplici generi di musica per un singolo film
Durata: 2m 42s

Le due necessità del compositore video

08. Le due necessità del compositore
Durata: 3m 39s

Andare oltre gli schemi che già conosciamo video

09. Andare oltre gli schemi che già conosciamo
Durata: 2m 53s

Il riferimento è quanto abbiamo fatto finora video

10. Il riferimento è quanto abbiamo fatto finora
Durata: 3m 58s

Il Thriller è solo spavento?

Contrappunto Pratico

A cosa serve il Contrappunto video

11. A cosa serve il Contrappunto
Durata: 3m 11s

Il Contrappunto come osservazione video

12. Il Contrappunto come osservazione
Durata: 2m 52s

Da Fux al contrappunto moderno video

13. Da Fux al contrappunto moderno
Durata: 2m 48s

Stabilità e Instabilità video

14. Stabilità e Instabilità
Durata: 3m 20s

Intervalli armonici consonanti video

15. Intervalli armonici consonanti
Durata: 3m 08s

Intervalli dissonanti video

16. Intervalli dissonanti
Durata: 2m 32s

Outsider: intervallo di quarta video

17. Outsider: intervallo di quarta
Durata: 4m 38s

Intervalli Melodici Consonanti video

18. Intervalli Melodici Consonanti
Durata: 2m 35s

Intervalli Melodici Dissonanti video

19. Intervalli Melodici Dissonanti
Durata: 4m 13s

Costruire una Melodia I video

20. Costruire una Melodia I
Durata: 3m 40s

Costruire una Melodia II video

21. Costruire una Melodia II
Durata: 4m 01s

Il contorno melodico video

22. Il contorno melodico
Durata: 2m 52s

Vertice della melodia video

23. Vertice della melodia
Durata: 3m 37s

Dal contorno al moto video

24. Dal contorno al moto
Durata: 3m 49s

Salti e movimento di grado video

25. Salti e movimento di grado
Durata: 2m 26s

La “Gap Fill Theory” video

26. La “Gap Fill Theory”
Durata: 3m 10s

Il corale versione romantica video

27. Il corale versione romantica
Durata: 2m 57s

Moto disgiunto in pratica video

28. Moto disgiunto in pratica
Durata: 3m 58s

Melodia e moto disgiunto I video

29. Melodia e moto disgiunto I
Durata: 3m 33s

Melodia e moto disgiunto II video

30. Melodia e moto disgiunto II
Durata: 2m 49s

Minimizzare i salti video

31. Minimizzare i salti
Durata: 3m 08s

Salti e intervalli dissonanti video

32. Salti e intervalli dissonanti
Durata: 4m 17s

Gestire il rapporto tra le voci video

33. Gestire il rapporto tra le voci
Durata: 3m 17s

Moto retto e moto parallelo video

34. Moto retto e moto parallelo
Durata: 4m 38s

Moto contrario e indipendenza video

35. Moto contrario e indipendenza
Durata: 5m 22s

Moto obliquo video

36. Moto obliquo
Durata: 4m 20s

Raggiungere gli intervalli perfetti video

37. Raggiungere gli intervalli perfetti
Durata: 3m 54s

Quinte e Ottave parallele video

38. Quinte e Ottave parallele
Durata: 5m 39s

Quinte e Ottave per moto contrario video

39. Quinte e Ottave per moto contrario
Durata: 1m 48s

Recap intervalli composti video

40. Recap intervalli composti
Durata: 5m 32s

Una linea melodica affollata video

41. Una linea melodica affollata
Durata: 3m 12s

Separazione in più linee video

42. Separazione in più linee
Durata: 3m 00s

Sviluppiamo la polifonia video

43. Sviluppiamo la polifonia
Durata: 2m 59s

Rendiamo indipendenti le voci video

44. Rendiamo indipendenti le voci
Durata: 6m 22s

Modificare il registro video

45. Modificare il registro
Durata: 2m 49s

Semplice strumentazione video

46. Semplice strumentazione
Durata: 4m 11s

Più da vicino, nel sequencer I video

47. Più da vicino, nel sequencer I
Durata: 3m 53s

Più da vicino, nel sequencer II video

48. Più da vicino, nel sequencer II
Durata: 2m 25s

Più da vicino, nel sequencer III video

49. Più da vicino, nel sequencer III
Durata: 4m 12s

Andare oltre due voci video

50. Andare oltre due voci
Durata: 5m 37s

Applicare i principi, non le regole video

51. Applicare i principi, non le regole
Durata: 4m 02s

Indipendenza del moto video

52. Indipendenza del moto
Durata: 2m 36s

Differenziare i momenti di acme video

53. Differenziare i momenti di acme
Durata: 3m 31s

Autonomia attraverso il ritmo video

54. Autonomia attraverso il ritmo
Durata: 2m 59s

Materiale didattico

Nessun file pubblico. Se per questa settimana hai una Attività (Project, Exercise, Assignment, etc.) trovi eventuale materiale didattico aprendo quella attività dalla tua Dashboard.
.