...

Orchestra: Archi III — 4h 24m 12s

Scrivere per archi nell'orchestra

Gli Archi e il loro dominio sull’Orchestra

La famiglia degli archi è composta da quattro soli strumenti: Violino, Viola, Violoncello e Contrabbasso. Molti meno delle famiglie degli ottoni o dei legni. Eppure richiedono tanto più tempo per essere studiati e compresi a pieno.

Questo, come già ricordato, è dovuto all’enorme numero di articolazione e tecniche che possono essere applicate agli archi. Tecniche che, oltretutto, non sono statiche ma si evolvono nel tempo. Ancora nel corso del 20esimo secolo abbiamo assistito all’introduzione (e all’affermazione) di nuove tecniche e di nuovi modi per suonare gli archi.

In un certo senso è avvenuto anche con altre famiglie, ad esempio con la respirazione circolare e le tecniche estese per brass e woodwinds. Ma si tratta appunto di tecniche particolari, non comuni.

Quelle sviluppate per gli archi sono diventate parte della pratica orchestrale, in particolar modo per la musica da film.

Non è difficile intuire perché: gli archi sono – al pari del pianoforte – strumenti che possono reggere sulle proprie spalle l’intero sviluppo di un brano orchestrale. Questo non vuole in nessun modo sminuire la vibrante energia degli ottoni, la delicata umanità dei legni o la forza ritmica delle percussioni. È solo una constatazione pratica, legata allo sviluppo della musica nel corso dei secoli.

C’è anche da dire che esiste un primato degli archi anche nella pratica quotidiana: trovare un numero adeguato di strumentisti esperti non è così facile come in altre formazioni. Dove normalmente abbiamo 4 Corni Francesi in una formazione orchestrale di ottoni, negli archi parliamo di decine e decine di violinisti per un’orchestra sinfonica.

In termini pratici questo significa che allestire una sezione di archi, costa di più rispetto all’allestimento di una formazione standard di altre famiglie. Anche perché oltre al numero degli strumentisti deve essere rispettata anche la qualità dell’esecuzione e quindi l’esperienza degli interpreti. Qualcosa di non facile, e il motivo ormai è chiaro: la complessità enorme legata al suonare strumenti ad arco.

Eppure un’orchestra d’archi può costituire la soluzione più efficace anche dal punto di vista del budget: un’orchestra composta soltanto da archi è spesso in grado di portare sulle proprie spalle un intero brano.

Lavorando con orchestre dal vivo, sottrarre famiglie orchestrali può essere in definitiva vantaggioso perché in assenza di ottoni e percussioni, occorre un numero inferiore di archi. Questa è una importante considerazione di orchestrazione: bisogna sempre fare i conti con i costi.

Per fare un esempio, con un’orchestra di soli archi potremmo avere un ottimo suono anche con delle sezioni di dimensioni ridotte. Anche solo 8 / 6 / 4 / 4 / 2, corrispondente cioè a otto primi violini, sei secondi violini, quattro viole, quattro violoncelli e due contrabbassi può fornire un suono maestoso, almeno se non ci occorre di portare in divisi le sezioni.

Questo significa avere ventiquattro strumentisti e un suono vibrante e ricco, dove in un’orchestra sinfonica completa avremmo dovuto almeno raddoppiare le dimensioni degli archi e aggiungere altre tre famiglie. In pratica quadruplicando i costi.

Perché scegliere solo Archi anche orchestrando per strumenti virtuali

Come abbiamo già visto, è perfettamente possibile scegliere di lavorare con i soli archi anche quando si adoperano virtual instruments e quindi le considerazioni di budget passano del tutto in secondo piano.

Ha due vantaggi:

  1. Permette di scrivere musica più simile a quella che verrebbe prodotta tradizionalmente (sì, anche il budget influisce sul realismo e sulla plausibilità di un brano).
  2. Riduce di molto la complessità di equilibrare un’intera orchestra virtuale, un processo tedioso e alle volte impossibile come ben evidenziato da Thomas Bergersen (di “Two Steps From Hell”) già nei primi anni duemila con l’articolo – praticamente un exposé – sulle dinamiche relative delle library orchestrali.

Ad oggi nessuna library ha affrontato realmente il problema delle dinamiche relative, e appena iniziamo a unire più library di diversi produttori ogni possibilità di equilibrio scompare. Le tecniche classiche di calibrazione dei template orchestrali o del gain staging (troppo spesso ripetute meccanicamente nei forum come “verità”) si scontrano duramente con l’assenza di un riferimento stabile per quello che indichiamo come pianissimo o mezzo forte o fortissimo.

Anche se consideriamo l’intervallo tra mezzo piano e mezzo forte come corrispondente alla voce umana, come fa normalmente chi segue la regola del far arrivare a -3dbFS il picco delle sezioni principali di virtual instrument, rimaniamo sempre con una misura imprecisa e relativa.

Troppo spesso, purtroppo, queste “regole” vengono accettate acriticamente, senza considerare le implicazioni per chi scrive musica che deve essere riprodotta sia da virtual instrument che da una vera orchestra (in altre parole, l’unica musica virtuale che possa suonare effettivamente vera).

È qui che entrano in gioco l’allenamento dell’orecchio da una parte e la padronanza degli strumenti digitali dall’altra: adoperare un gain sul segnale già generato dal virtual instrument non è altro che un’operazione di post produzione: non altera la gamma dinamica dello strumento.

Adoperare il misconosciuto CC7 insieme ai canonici CC1 o CC11 è invece una via molto più accurata per lavorare con una pretesa di realismo. Non di esattezza: sia chiaro. Ma di realismo e plausibilità, sì.

Il progetto di Carmilla: la Title Sequence di una miniserie gotica

Questa settimana completa la trattazione del violino e delle sue articolazioni. Anche già accennati, viola violoncello e contrabbasso sono studiati in dettaglio la prossima settimana, insieme alle lezioni conclusive su orchestra e archi.

Il progetto pratico della title sequence è il più impegnativo affrontato finora nelle lezioni. Diversamente dai precedenti progetti, viene presentato con già un brano originale di riferimento che va oltre lo sketch preliminare, è una composizione completa.

Questo permette di fare pratica con tutte le fasi di produzione: vedi infatti come da una analisi narrativa e del contesto si passa ai primi sketch al piano, per poi organizzare i frammenti di idee musicali in una forma coerente e utilizzabile in pratica.

Il passo successivo è naturalmente la composizione effettiva, che deve anche prendere in considerazione le restrizioni di budget di una serie televisiva.

Per rendere le cose facili a tutti gli studenti, questa esercitazione ambiziosa e gratificante si colloca prima delle settimane di lezione dedicate a ottoni e legni, che non contengono esercitazioni. In questo modo è possibile sfruttare al meglio anche il tempo delle prossime settimane per comporre e arrangiare la propria musica di title sequence originale.

Susanna

Conosci meglio Susanna Quagliariello

Compositore / produttore cinematografico / autore pubblicato. Laurea in Storia e Critica del Cinema, master di alta formazione, licenza triennale di conservatorio, diploma specialistico di composizione e orchestrazione per musica da film. Amministratore VFX Wizard e direttore della scuola online.

Tecniche degli Archi: gli Armonici negli strumenti reali e in quelli virtuali video

01. Tecniche degli Archi: gli Armonici negli strumenti reali e in quelli virtuali Durata: 3m 20s

Tecniche degli Archi: cosa sono le Posizioni (Finger Positions) video

02. Tecniche degli Archi: cosa sono le Posizioni (Finger Positions) Durata: 5m 08s

Le Posizioni degli Archi nelle Librerie di Strumenti Virtuali video

03. Le Posizioni degli Archi nelle Librerie di Strumenti Virtuali Durata: 3m 57s

Il Violoncello: estensione del Range e Versatilità video

04. Il Violoncello: estensione del Range e Versatilità Durata: 2m 25s

Articolazioni del Violoncello: Sustain e Legato, Louré e Portato video

05. Articolazioni del Violoncello: Sustain e Legato, Louré e Portato Durata: 4m 33s

Articolazioni del Violoncello: lo Staccato negli strumenti reali e in quelli virtuali, e il ruolo del Tenuto video

06. Articolazioni del Violoncello: lo Staccato negli strumenti reali e in quelli virtuali, e il ruolo del Tenuto Durata: 3m 39s

Attenti al Lupo! Che cos'è il “Wolf Tone” (Nota del Lupo) video

07. Attenti al Lupo! Che cos'è il “Wolf Tone” (Nota del Lupo) Durata: 3m 14s

Il “Wolf Tone” nel mondo degli strumenti virtuali video

08. Il “Wolf Tone” nel mondo degli strumenti virtuali Durata: 2m 54s

Come le bacchette di Harry Potter: scegli tu lo strumento o è lo strumento che sceglie te? video

09. Come le bacchette di Harry Potter: scegli tu lo strumento o è lo strumento che sceglie te? Durata: 2m 38s

Il Violoncello video

10. Il Violoncello Durata: 4m 22s

Il Contrabbasso video

11. Il Contrabbasso Durata: 4m 27s

Archi virtuali: Trio, Quartetto, Ensemble e Tutti video

12. Archi virtuali: Trio, Quartetto, Ensemble e Tutti Durata: 4m 36s

Organizzare con precisione una sezione di archi video

13. Organizzare con precisione una sezione di archi Durata: 5m 05s

L'essenza dell'orchestrazione video

14. L'essenza dell'orchestrazione Durata: 2m 59s

L'arrangiamento determina senso e suono video

15. L'arrangiamento determina senso e suono Durata: 1m 50s

Il Voicing: cos'è e come cambia la percezione di un accordo video

16. Il Voicing: cos'è e come cambia la percezione di un accordo Durata: 5m 16s

Gli strumenti traspositori nei sequencer: il caso del Basso video

17. Gli strumenti traspositori nei sequencer: il caso del Basso Durata: 2m 39s

Progetto pratico: Title Sequence “Carmilla”

Le “Title Sequence” – cosa sono e perché sono importanti video

18. Le “Title Sequence” – cosa sono e perché sono importanti Durata: 5m 19s

Considerazioni pratiche su budget e formazioni orchestrali per la TV video

19. Considerazioni pratiche su budget e formazioni orchestrali per la TV Durata: 4m 29s

Progetto originale “Carmilla”, omaggio alle atmosfere di “Penny Dreadful” video

20. Progetto originale “Carmilla”, omaggio alle atmosfere di “Penny Dreadful” Durata: 1m 16s

La Title Sequence del progetto di questa settimana (con musica) video

21. La Title Sequence del progetto di questa settimana (con musica) Durata: 2m 01s

Analisi narrativa della vampira “Carmilla” e scelte musicali video

22. Analisi narrativa della vampira “Carmilla” e scelte musicali Durata: 4m 40s

Approfondimento su vampiri e ambiguità sessuale nel cinema (“The Hunger”, 1983) video

23. Approfondimento su vampiri e ambiguità sessuale nel cinema (“The Hunger”, 1983) Durata: 2m 23s

Finalità della musica e sketch passo dopo passo video

24. Finalità della musica e sketch passo dopo passo Durata: 2m 23s

Sketch in fase più avanzata – scelte di composizione video

25. Sketch in fase più avanzata – scelte di composizione Durata: 3m 55s

Lo sketch dell'Ostinato e la separazione per velocity video

26. Lo sketch dell'Ostinato e la separazione per velocity Durata: 3m 58s

Organizzare il materiale musicale e “leggere” il piano roll come una partitura video

27. Organizzare il materiale musicale e “leggere” il piano roll come una partitura Durata: 3m 02s

La melodia e l'intervallo di sesta minore video

28. La melodia e l'intervallo di sesta minore Durata: 3m 50s

Il Metro e l'armonia, spiegati narrativamente e in pratica video

29. Il Metro e l'armonia, spiegati narrativamente e in pratica Durata: 3m 57s

L’Orchestrazione, spiegata narrativamente e in pratica video

30. L’Orchestrazione, spiegata narrativamente e in pratica Durata: 2m 58s

Acqua e vampiri: ulteriori scelte musicali e narrative video

31. Acqua e vampiri: ulteriori scelte musicali e narrative Durata: 2m 18s

Cosa devi fare per il progetto “ Carmilla – Title Sequence” video

32. Cosa devi fare per il progetto “ Carmilla – Title Sequence” Durata: 1m 54s

Guida alla East West Symphonic Orchestra – Archi Parte III

Violas Short video

33. Violas Short Durata: 4m 15s

Martelé up and down video

34. Martelé up and down Durata: 2m 40s

Viola Short Scripts video

35. Viola Short Scripts Durata: 4m 06s

Effetti delle Viole video

36. Effetti delle Viole Durata: 1m 32s

Mod DXF Viole video

37. Mod DXF Viole Durata: 3m 13s

Viole: Espressivo video

38. Viole: Espressivo Durata: 4m 23s

Viole con sordina video

39. Viole con sordina Durata: 4m 22s

Lavorare con crossfade e keyswitch video

40. Lavorare con crossfade e keyswitch Durata: 2m 27s

3 Violoncelli – Long video

41. 3 Violoncelli – Long Durata: 3m 24s

10 Violoncelli video

42. 10 Violoncelli Durata: 3m 21s

Vibrato espressivo video

43. Vibrato espressivo Durata: 3m 29s

Non vibrato e Portato video

44. Non vibrato e Portato Durata: 3m 05s

I Run Simulator dei Violoncelli video

45. I Run Simulator dei Violoncelli Durata: 4m 06s

Ancora Run Sim e passaggi lenti con sordino video

46. Ancora Run Sim e passaggi lenti con sordino Durata: 3m 43s

Vibrato hard e soft video

47. Vibrato hard e soft Durata: 2m 54s

Violoncelli: Short video

48. Violoncelli: Short Durata: 2m 51s

Articolazioni col legno dei Violoncelli video

49. Articolazioni col legno dei Violoncelli Durata: 3m 55s

Violoncelli: Pizzicato e Pizzicato “New” video

50. Violoncelli: Pizzicato e Pizzicato “New” Durata: 3m 31s

Violoncelli: Quick Up & Down video

51. Violoncelli: Quick Up & Down Durata: 3m 42s

Violoncelli: effetti video

52. Violoncelli: effetti Durata: 4m 13s

Violoncelli: MOD XFADE video

53. Violoncelli: MOD XFADE Durata: 3m 29s

Violoncelli: Sus Vib Emotion video

54. Violoncelli: Sus Vib Emotion Durata: 3m 25s

Violoncelli: accenti video

55. Violoncelli: accenti Durata: 2m 16s

Violoncelli: Non Vibrato Sustain XFADE video

56. Violoncelli: Non Vibrato Sustain XFADE Durata: 3m 00s

Violoncelli: soft vibrato video

57. Violoncelli: soft vibrato Durata: 2m 45s

Violoncelli: Keyswitch video

58. Violoncelli: Keyswitch Durata: 2m 03s

I Contrabbassi video

59. I Contrabbassi Durata: 3m 28s

Contrabbassi: Espressivo video

60. Contrabbassi: Espressivo Durata: 2m 51s

Contrabbassi: Portamento video

61. Contrabbassi: Portamento Durata: 4m 19s

Contrabbassi: Sforzando video

62. Contrabbassi: Sforzando Durata: 4m 21s

Contrabbassi: Short video

63. Contrabbassi: Short Durata: 4m 08s

Contrabbassi: Quick Up & Down (RR) video

64. Contrabbassi: Quick Up & Down (RR) Durata: 5m 09s

Contrabbassi: MOD Crossfade video

65. Contrabbassi: MOD Crossfade Durata: 3m 37s

Contrabbassi: Sustain XFADE video

66. Contrabbassi: Sustain XFADE Durata: 3m 51s

Contrabbassi: Espressivo fast DXF video

67. Contrabbassi: Espressivo fast DXF Durata: 1m 52s

Contrabbassi: Espressivo Legato Crossfade Accenti Velocity video

68. Contrabbassi: Espressivo Legato Crossfade Accenti Velocity Durata: 3m 44s

Contrabbassi: Sus Vib in X-Fade video

69. Contrabbassi: Sus Vib in X-Fade Durata: 4m 13s

Ricapitolazione Archi e Large Strings video

70. Ricapitolazione Archi e Large Strings Durata: 2m 46s

Continuità nel range degli ensemble video

71. Continuità nel range degli ensemble Durata: 4m 25s

50 e 60 strumenti: articolazioni video

72. 50 e 60 strumenti: articolazioni Durata: 2m 15s

70 strumenti video

73. 70 strumenti Durata: 5m 14s

Ensemble da camera e quartetti video

74. Ensemble da camera e quartetti Durata: 2m 42s

Outsider: l'Arpa video

75. Outsider: l'Arpa Durata: 3m 32s

Outsider: l'Arpa e gli effetti (glissando) video

76. Outsider: l'Arpa e gli effetti (glissando) Durata: 2m 52s

Outsider: il Clavicembalo video

77. Outsider: il Clavicembalo Durata: 1m 18s

Materiale didattico

Title Sequence da musicare
Download ZIP: Video H264 (mp4), lavora con questo

Versione a maggiore qualità solo per riferimento: non da caricare nel Campus; potrebbe non essere compatibile con Cubase
Download ZIP: Video H264 (mp4) HQ, solo come riferimento

.